Come scegliere l’abito da sposo a Milano

Il giorno del matrimonio, non è solo la sposa a doversi sentire bella, perfetta, unica, anche lo sposo fa la sua parte da protagonista.

Se scegliere un abito per la sposa, è compito arduo, una perfetta mise da uomo non impegna di meno.

La scelta dell’abito giusto deve essere aiutata da un esperto del settore, che tiene conto della personalità dello sposo, dell’esigenza economica, del gusto, dello stile della cerimonia. Fare da sé non è consigliabile. Il rischio è di presentarsi nel giorno più bello della vita, o troppo rigido o troppo anticonformista, o inadeguato.

La prima cosa da considerare, nella scelta di un abito da sposo, è il tipo del matrimonio: tradizionale, principesco, moderno, pratico ed essenziale.

Il tight è l’ideale per una cerimonia di prestigio e di grande tradizione, dove la sposa ha un abito ricco e con strascico.

Un tre pezzi, con giacca monopetto, è la scelta per ogni altro tipo di cerimonia, di mattina come di sera.

Che sia un matrimonio formale in chiesa, che segue fedelmente la tradizione, o un matrimonio dinanzi ad un officiante civile e dunque più disinvolto, che il banchetto nunziale sia al chiuso o all’aperto, il dettaglio può essere l’ultima scelta in ordine di tempo ma non d’importanza, dunque non è mai trascurato, e speciale è l’attenzione che vi si dedica.

La cravatta scelta della stessa tonalità di colore dell’abito della sposa, o del bouquet, o del colore dominante della sala del matrimonio, crea una piacevole continuità.

Di sicuro lo sposo non ha idea di come possa essere l’abito della sua futura moglie, ma chiedere a un’amica/o in comune che caratteristiche avrà l’abito della sposa, evita sbagli.
Stabilire un limite di budget, permette alla persona che segue lo sposo in un atelier, di fare una prima importantissima selezione.

Nella scelta dell’abito, 2 sono le opzioni possibili: un abito prêt-à-porter, per il quale lo sposo deve scegliere solo il taglio, il tessuto, il colore. L’abito, però, potrebbe non calzare come un guanto. L’unico disagio potrebbe essere dover ricorrere a qualche ritocco del tipo: stringi, allarga, accorcia, allunga ecc.

Un abito sartoriale, invece, si adatta perfettamente alle caratteristiche fisiche di uno sposo: è fatto su misura e diventa un pezzo unico per stile, colore, materiale.

Tinta unita o contrasti (lucido, gessato, ecc.), tessuto economico o di pregio, stile classico, barocco, ricercato, stravagante, numerose sono le opportunità di scelta.

Il tipo di tessuto e il colore dell’abito dipendono, ovviamente, dalla stagione in cui si celebra il matrimonio. Colori scuri e lana misto seta per l’inverno. Tonalità pastello anche per l’uomo sposo della prossima primavera/estate, soprattutto se giovane; fresco lana o comunque tessuti che non si stropicciano facilmente (un no assoluto ad abiti eccessivamente sportivi e disinvolti, oppure al pied de poule o alla spina di pesce!).

Il personale specializzato dell’atelier sa che gli abiti devono essere foderati in tutte le stagioni: la fodera regala una perfetta vestibilità.

Rifiniture, ricamo delle iniziali sul colletto della camicia, scarpe, calzini, orologio, gemelli, cintura, bretelle, pochette da taschino (indossata di colore e anche di tessuto diverso dalla cravatta) sono accessori che vanno a completare la personalità di ogni sposo.

Nell’atelier Raphael di Milano, in Via Cesare Correnti, vi prenderanno per mano e vi assisteranno nella scelta dell’abito da sposo perfetto per le vostre esigenze.

Un barbecue per una giornata all’aria aperta a Milano

Quando capita di annusare un fiore, di giocare con l’acqua di un torrente o di sentir cantare gli uccellini, ci si rende conto di quanto sia grande il valore di una genuina giornata all’aria aperta. Soprattutto chi è abituato ad una vita tipicamente urbana, tende ad apprezzare in particolar modo il tempo trascorso fuori casa.

Durante una gita in mezzo alla natura, non solo i bambini si divertono ad esplorare, giocare, curiosare, ma anche gli adulti. Essi infatti tendono a sperimentare un tipo di gioia che li riporta indietro nel tempo e rivivono così le stesse sensazioni di quando erano piccoli. Una soleggiata giornata all’esterno viene sempre ricordata come una bellissima esperienza. A seconda delle proprie esigenze, possibilità e soprattutto a seconda delle proprie passioni, si può decidere di trascorrere un giorno al mare, in montagna, al lago, in campagna, nel bosco, in un parco attrezzato o semplicemente nel giardino di casa propria. Meglio ancora se ci si organizza per una bella grigliata con la compagnia giusta. Immaginate di stare in casa e fare colazione, leggere, pranzare, giocare, studiare, chiacchierare…

Ora provate ad immaginare questa stesse azioni praticate però all’aperto, magari in mezzo ad una distesa di fiori e piante, con il sole che riscalda la pelle e circondati da aria fresca. C’è da ammettere che la differenza è notevole. Fuori si può correre, giocare a palla, saltare, fare attività fisica, pescare, nuotare. È comprovato dunque che la vita all’aria aperta porta davvero tanti benefici. Ma non solo alla mente e allo spirito, ma anche al corpo. In un ambiente esterno, dove la natura offre una varietà di svaghi, ci si sente più dinamici e stimolati. Sensazioni che uno spazio interno offre in minor misura, in quanto più statico e asfissiante. In tanti ci si sente più rilassati a seguito di un’escursione nel bosco oppure dopo un giorno trascorso nel rifugio naturale preferito.

Il tempo dedicato alla natura aiuta a diminuire l’ansia, la depressione e lo stress, inoltre può anche rafforzare i legami sociali. Numerosi sono i gruppi di amici che si organizzano all’aperto per un bel pranzo in compagnia ed è assai piacevole mangiare insieme specialmente se ci si arma di un barbecue. È davvero entusiasmante l’idea di riunirsi tutti intorno ad una brace per cucinare delle deliziose pietanze come bistecche, spiedini, salsicce, coscette di pollo o verdure grigliate. Di certo mettersi ai fornelli quando fuori c’è il sole che splende, è un vero peccato. Con l’arrivo della primavera e soprattutto durante l’estate è consigliato dedicare il proprio tempo a simpatici pranzi all’esterno. Così facendo, non solo l’azione del cucinare diventa meno faticosa, soprattutto per chi non ha mai provato a farlo, ma anche il cibo risulterà più gustoso e saporito.

Organizzare una grigliata è davvero semplice se lo si fa con passione e allegria. Se si dispone di un cortile, un giardino od un ampio terrazzo, si ha l’opportunità di riunirsi con amici o parenti senza spostarsi da casa propria. In commercio ci sono tanti tipi di barbecue adatti ad ogni tipo di spazio ed esigenza.

Si può scegliere di usare quello alimentato da carbonella, da legna oppure un tipo più avanzato dotato di bombola a gas e pietre laviche. Quest’ultimo modello permette di regolare l’intensità della fiamma e solitamente è dotato di un coperchio che permette di conservare il calore. In più è corredato da fornellini laterali che permettono di cucinare più piatti contemporaneamente. A Milano potete trovare un’ampia gamma di barbecue da Ambrosiana Gas, in zona San Siro.

Così come per gli adulti, anche per i bambini il pranzo si tramuterà in un evento spassoso in quanto avranno la libertà di mangiare liberamente, senza dover stare necessariamente fossilizzati ad un tavolo. Il metodo della cottura alla brace può diventare un rito anche di sera, soprattutto nel piacevole periodo estivo, quando il cielo è limpido e la voglia di rilassarsi all’aria aperta è tanta. Che si tratti di una cena, di un compleanno, di un party a tema o di un qualsiasi altro evento, il barbecue può sempre far da protagonista!

Purtroppo non tutti hanno la fortuna di avere uno spazio all’aperto in cui soggiornare. In questi casi si opta per una scampagnata in un luogo immerso nella natura come la riva di un lago, una spiaggia, un’area camping. Molti fra questi luoghi pubblici dispongono di aree apposite in cui è permesso fare una grigliata. L’importante è fare molta attenzione soprattutto a non inquinare e a non creare incendi che potrebbero rovinare il paesaggio circostante e la vita delle persone. Tanti sono i gruppi che si recano in questi posti ed è giusto comportarsi nella maniera più civile possibile per non compromettere la serenità della giornata.

La natura è un dono prezioso ed una vita all’aria aperta rende più consapevoli della bellezza del mondo. Essa ha il potere di influenzare la salute e l’umore degli uomini e li fa sentire più vivi. Anche la semplice vista di un bel paesaggio o di un sentiero alberato rigenera lo spirito, quindi vale sempre la pena percorrere qualche chilometro in più per godere di un po’ di aria pura. Tra l’altro il sole è un’ottima fonte di vitamina D, la quale aiuta a prevenire il cancro, i problemi ormonali e le infiammazioni. La luce naturale rende il sistema immunitario più forte e contribuisce a migliorare la qualità del sonno. È sempre una buona idea decidere di trascorrere parte della propria vita all’aria aperta, da soli, in compagnia di un amico o di un animale domestico.

È comunque consigliabile lasciare a casa ogni forma di preoccupazione che ci riporti allo stress quotidiano.